Biennale Giovani Scultori

Sul versante delle arti figurative sono piuttosto rare le associazioni culturali che si occupino dei giovani o, come in questo caso, dei giovanissimi studenti delle scuole d’arte italiane.

In tempi come questi, di profonda e generalizzata crisi ideale e materiale, il tributo maggiore viene pagato dalla scuola e dalle giovani generazioni di cui sempre si parla e si scrive ma per cui ben poco si agisce, le nostre istituzioni scolastiche non solo appaiono senza futuro ma vivono drammaticamente un inaccettabile presente che sovente le isola e le demoralizza.

In tale contesto va segnalata la benemerita iniziativa della associazione culturale “Arte e Dintorni” che, al contrario di molte paludate istituzioni, nei limiti delle proprie forze e con l’aiuto di qualche meritevole sponsorizzazione, di anno in anno trova le energie e le risorse per proporre questa rassegna.

Facendo incontrare studenti e scuole d’arte di diversa storia e cultura artistica, al di là di premi e riconoscimenti, si intende creare un momento di confronto e di scambio che sicuramente porterà beneficio ai giovani partecipanti ed ai loro insegnanti e nel contempo offrire al territorio un ampio panorama informativo su quanto, come e con quali risultati si lavori oggi nelle scuole d’arte del paese.

Aver portato in Bagnacavallo per questa edizione le opere di 135 ragazzi provenienti da istituti di numerose regioni italiane, mi sembra molto gratificante ed ampiamente risarcitorio per i sacrifici e l’impegno di “Arte e Dintorni”.

Carlo Polgrossi